19 ottobre 2017

AUTONOMIA E AUTOGOVERNO ALL'INTERNO DELLO STATO

Trento, 19 ottobre 2017 
Prot. n. A001/570469 
Excelentisimo Señor Don Mariano Rajoy Brey 
Presidente del Gobierno Español 
Palacio de la Moncloa  28071 MADRID 

Molt Hble Sr. Carles Puigdemont 
President Generalitat de Catalunya 
Plaça Sant Jaume, 4 08002 BARCELONA 

Illustri Presidenti, Scriviamo la presente lettera in qualità di esponenti e rappresentanti istituzionali delle Province autonome di Trento e di Bolzano, due enti territoriali che, in virtù dell’accordo internazionale Degasperi-Gruber (sottoscritto da Italia e Austria il 5 settembre del 1946) e della successiva e conseguente disciplina costituzionale (cfr. articolo 116, commi 1 e 2), dispongono di forme e condizioni particolari di autonomia. Siamo quindi particolarmente sensibili e attenti alle istanze autonomistiche che le diverse realtà territoriali europee perseguono e rivendicano in virtù della propria storia, delle proprie radici culturali, etniche e linguistiche e della volontà di assumere con coraggio la responsabilità delle proprie scelte. E, a questo proposito, stiamo seguendo con apprensione e particolare attenzione quanto sta accadendo in queste settimane in Catalogna. Con questa breve lettera non vogliamo certamente inserirci nel dibattito spagnolo, né tanto meno invadere gli spazi che non sono di nostra competenza. Riteniamo però utile ed opportuno portare la nostra testimonianza, sottolineando, da un lato, le buone ragioni del regionalismo differenziato e ribadendo, dall’altro, la necessità e l’importanza di rivendicare le istanze autonomistiche all’interno delle procedure costituzionalmente stabilite. La storia della nostra autonomia, infatti, rende evidente, da un lato, come la responsabilità delle scelte, se esercitata con coraggio, apertura, lungimiranza e intelligenza, possa essere davvero uno straordinario strumento di convivenza pacifica e di positivo sviluppo economico e sociale e, dall’altro, come l’autonomia vada rivendicata ed esercitata in maniera aperta e dialogica con i livelli nazionale ed europeo. La nostra esperienza ci insegna inoltre che le buone ragioni delle autonomie non possono prescindere dal rispetto dello stato di diritto, dalla negoziazione e dai principi costituzionali. Esse devono essere in dialogo costante con gli altri livelli di governo. Solo in questo modo possono rappresentare un valore aggiunto anche per l’intero sistema e un baluardo a difesa della democrazia. Infine, i nostri sistemi di autogoverno hanno potuto svilupparsi grazie anche alla dinamicità e al continuo processo di rinnovamento e ridefinizione degli equilibri tra i diversi livelli istituzionali, all’interno del quale hanno assunto un ruolo di assoluto rilievo le norme di attuazione dello Statuto di autonomia. Il nostro auspicio è che in Spagna e in Catalogna possa aprirsi un dialogo ed un confronto costruttivo tra governo nazionale e governo catalano, in un’ottica di rispetto e comprensione delle reciproche posizioni e di valorizzazione delle diverse istanze. Sarebbe altresì auspicabile, anche alla luce delle nuove dinamiche sociali, politiche ed economiche, che si aprisse a livello nazionale ed europeo una seria riflessione sul futuro degli enti territoriali e sull’opportunità di rilanciare il valore del regionalismo all’interno del rinnovato contesto internazionale. Nel ringraziarVi per l’attenzione, vogliate gradire i sensi della nostra più alta considerazione. Il Presidente Il Presidente - Ugo Rossi - - Arno Kompatscher -

18 ottobre 2017

SANITA': MANTENERE ALTA L'ATTENZIONE SUI SEGUENTI SETTE PUNTI


  • Ci avviamo agli ultimi mesi di questa travagliata legislatura e purtroppo molte delle istanze dei cittadini non hanno ancora avuto una risposta da parte del decisore politico. In questi ultimi anni ho avuto modo di ascoltare diverse persone e raccogliere significativi dati provenienti dalla vita quotidiana che non riescono ad arrivare alle orecchie di chi viene eletto; mi sono confrontato con cittadini, professionisti e tutti gli assessori alla sanità di questa legislatura: mai mi sono sentito dire che le nostre richieste erano prive di fondamento e/o che le nostre proposte non erano realizzabili.
Pertanto in sanità ci aspettiamo che:
entro fine ottobre 2017 
  • vengano resi pubblici i dati del Registro tumori ed il Piano di Prevenzione e Promozione della Salute regionale; 
  • venga garantita la libertà di cura ai valdostani, eliminando il “blocco” della mobilità passiva; 
  • vengano investite più risorse per la tutela e promozione della Salute mentale 
  • Sistema Sanitario regionale si faccia carico del costo dell’assistenza ai malati di Alzheimer (LEA);

entro fine dicembre 2017 
  • venga creato un tavolo regionale di tutela dei diritti del malato;  
  • coinvolte le associazioni dei cittadini nella riorganizzazione dell’assistenza territoriale; 
  • vengano valorizzate tutte le professioni sanitarie, agendo prioritariamente su quelle che i cittadini segnalano essere fondamentali per la tutela della loro salute;

entro fine febbraio 2018 
  • diventino obiettivi dell’Azienda USL i piani di miglioramento stilati all’interno del Progetto di Umanizzazione delle cure di AgeNas.

Essendo che nella Giunta regionale del 13 ottobre 2107 saranno presenti ben tre persone che si sono occupate a vario titolo della sanità (Viérin, Bertschy e Guichardaz) è ragionevole credere che le nostre richieste/proposte saranno tenute in debita considerazione; 
in caso contrario, auspichiamo che i Consiglieri di opposizione sollecitino il nuovo governo regionale ad aver riguardo anche per l’agenda proposta da un Movimento politico di partecipazione civica.
Giovan Battista De Gattis
Segretario CittadinanzAttiva della Valle d'Aosta
Ti potrebbero interessare anche:


GESTIONE RIFIUTI IN VDA: DUE NUOVI SOLUZIONI IMPIANTISTICHE

Verso il completamento del modello di gestione dei rifiuti in Valle d'Aosta.

è stato approvato il progetto di fattibilità, proposto dalla Rea Dalmine spa e dalla Fratelli Ronc srl, per un impianto di stabilizzazione dell’indifferenziato e  di selezione del multimateriale leggero (plastica, alluminio, acciaio), entrambi sono  impianti a freddo.

l’azienda che vincerà l’appalto potrebbe proporre la fabbrica dei materiali o altri piccoli impianti per migliorare la qualità della differenziata.

La procedura prevede un appalto europeo per l’affidamento del servizio, in base al project financing presentato da Rea Dalmine e Ronc.

Fabrizio Roscio , ex assessore regionale all'ambiente dal 13 ottobre 2017 aveva già preconizzato uno scenario d’emergenza se nessuno avesse avanzato un atto operativo.

La discarica resterà pubblica, come l’impianto. Il servizio sarà gestito da un privato.

16 ottobre 2017

VACCINI E OBBLIGO DI INFORMAZIONE

L’ordine dei medici di Roma afferma che esistendo un diritto di ciascuno ad essere informato, anche dei rischi, nel momento in cui il medico non svolge questo suo dovere si rende responsabile individualmente di comportamento illecito, sia sul piano medico, che per la responsabilità individuale.

L’Ordine ha in particolare evidenziato che “.. Codice Deontologico stabilisce all’art.35 che “il medico non intraprende ne’ prosegue in procedure diagnostiche e/o interventi terapeutici senza la preliminare acquisizione del consenso informato o in presenza di dissenso informato”. 

Da tutto cio’ deriva che un atto sanitario posto in essere in assenza di consenso puo’ integrare un illecito civile, penale e deontologico.“

L’Ordine conclude dicendo obbligatorietà’ della vaccinazione non appare come alcuna deroga al principio per cui il medico debba raccoglierne il consenso prima di procedere alla vaccinazione, dopo aver escluso che possano esservi circostanze ostative alla vaccinazione e dopo aver opportunamente informato. Nessuna vaccinazione, pertanto, senza il consenso dei genitori.”

Ecco un vademecum distribuito da Loris Palmerini ai genitori, nel quale appunto spiegavo questo stesso principio:  tu genitore hai il diritto legale al consenso informato, puoi dire no, è un diritto di legge, non puoi essere punito per questo, né multato. Puoi anche dire sì e subito dopo cambiare idea e dire no.

Ecco che al colloquio con la ASL si può ora dire “io non vaccino” e la ASL non può multarci, perché la legge Lorenzin è incostituzionale e nessuno può essere multato per aver esercitato un diritto.

Il medico che non ci dice i rischi va incontro a denuncia all’ordine. 

Basta registrare il colloquio e denunciare all’ordine, tanto più che abbiamo la certezza della esistenza di un sistema di compensi ai medici che raggiungono alti livelli di copertura vaccinale. 

Ma non dobbiamo ora mollare l’osso, dobbiamo ora approfittare di questa occasione per far capire a molti genitori di come siano stati ingannati dalla Lorenzin, dal Governo, e da quei partiti che hanno votata sì a questa porcata di legge.

In particolare dobbiamo ora far capire ai genitori che si sono sentiti dire che dovevano vaccinare per forza come in realtà abbiano subito un abuso, una procedura medica illegale. E come possano denunciare il fatto.

Dobbiamo spiegare alla gente che ha subito vaccinazioni obbligatorie che la procedura era rischiosa e che possono chiedere il risarcimento del danno subito anche quando il danno apparentemente ancora non si vede, perché i danni da vaccino, è scientifico, possono vedersi anche a distanza di decenni.

Abbiamo vinto, ma non molliamo l’osso, trasformiamo questa vittoria che verrà in un movimento di liberazione da questi medici corrotti, molti dei quali, lo ripeto, prendo denaro per consigliare le vaccinazioni TACENDO I RISCHI.

Non è finita e non sarà finita se non smantelliamo questo sistema mafioso, criminale ed assassino che si cela dietro l’utilizzo di questi prodotto non testati e scientificamente insicuri e mortali per una quota notevole di vaccinati. 

Convezione di Oviedo” 

https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=X331v5fE7Ec


15 ottobre 2017

CATALOGNA: ALLA RICERCA DI UN PERCORSO DI VIA D'USCITA SOSTENIBILE


Gli scenari in ballo, al di là delle misure di Rajoy, potrebbero essere dunque almeno due: il un ritorno alle urne, prendendo atto che il referendum non ha avuto esiti "legali" o un cambio di maggioranza a livello del governo della catalogna.


il 15 ottobre 2017 scade l'ultimatum concesso da Rajoy a Puigdemont che, lo scorso 10 ottobre, nel Parlamento di Barcellona, ha confermato la vittoria del referendum per la secessione, considerando la la Catalogna "Stato indipendente in forma repubblicana".



Una proclamazione durata  cinquantadue secondi, poiché è stata sospesa da lui stesso che ha chiesto a Madrid e alla Ue una mediazione indolore per lasciare la Spagna. 



La Dui (Dichiarazione unilaterale d'indipendenza), ha innescato la richiesta di Rajoy che  pretende che Puigdemont confermi la validità o no della proclamazione, per usare l'articolo 155 che sospende l'autonomia della Catalogna.



Gli alleati governativi di Puigdemont hanno chiesto che la proclamazione di Puigdemont sia chiaramente affermata e che sia accompagnata da un atto solenne.



Pressato da Madrid e dall'interno del tripartit, Puigdemont assiste indifferente all'impoverimento della presenza industriale nella regione: dal 30 settembre a oggi sono almeno cinquecento le aziende, catalane, spagnole e straniere che hanno spostato la sede sociale altrove in Spagna o che hanno proprio traslocato in un altro Paese. 



Su di lui la pressione delle lobby industriali catalane è forte, il rischio di recessione e l'abbattimento del Pil locale e nazionale assicurato da Standard & Poor's, ieri, hanno spinto il Gobierno a rivedere le stime in negativo. 



Se il 2018 poteva riportare la Spagna al +3,7 di crescita, dall'attuale 3,1, ora si dà per certa la perdita di un punto e mezzo nazionale, con la crescita a 2,2, come nel 2005. Puigdemont sembra non essere toccato da stime e fughe di capitali. 



La Generalitat ha costruito una sua versione digitale di Stato sovrano per facilitare i rapporti con cittadini e Paesi Ue. 



http://www.linkiesta.it/it/article/2017/10/13/contrordine-catalani-gli-indipendentisti-se-la-fanno-sotto-e-madrid-se/35821/

.

STOP ALLA QUOTAZIONE IN BORSA DI CVA

Stop alla quotazione in borsa della Cva Spa. Problemi aperti e priorità.
  1. E' prioritario dare la possibilità ai cittadini valdostani di esprimersi in merito alla quotazione in borsa di una parte del capitale sociale di Cva spa.
  2. Ad oggi esiste una risoluzione approvata all'unanimità in consiglio regionale in cui viene affermato che la decisione definitiva in merito all'iter dovrà essere presa in consiglio regionale (e non attraverso altri strumenti di partecipazione per es. dibattito pubblico, referendum, ecc).
  3. Le firme fino ad ora raccolte non sono certificate e quindi non sono utilizzabili per attivare iniziative referendarie; alcuni giuristi  ritengono che il tema da portare a referendum (non quotare Cva in borsa - norma prevista da una legge di bilancio) risulterebbe inammissibile, qualora presentato in via ufficiale.
  4. Per modificare la legge sui referendum ed individuare una formulazione che consenta una deroga per autorizzare il “referendum no quotazione Cva spa”, serve una maggioranza di voti in consiglio regionale difficilmente raggiungibile entro maggio 2018.
  5. Valutare insieme a tutti i componenti del "comitato stop quotazione cva" se procedere alla raccolta firme certificate anche se  non utilizzabili allo scopo ultimo (referendum), ma solo per mantenere alta l'attenzione sull'argomento, anche chiedendo alle forze politiche e ai gruppi consigliari disponibilità in tal senso.
  6. La maggioranza e il governo regionale formatosi in data 13 ottobre 2017 ha inserito nel programma di governo dei prossimi sei mesi un punto dedicato a Cva le seguenti parole "prosieguo dell'iter di valutazione della quotazione in borsa". Salvo errori il nuovo governo porterà in consiglio regionale a fine Gennaio 2018, l'esito dell'iter di valutazione per incassare politicamente la realizzazione e il completamento del progetto (impossibile con la precedente maggioranza) portando in consiglio regionale la decisione finale e utilizzando i 21 voti a sua disposizione. 

---

Legge regionale 25 giugno 2003, n. 19
Art. 3 (Limiti di ammissibilità)

L'iniziativa legislativa popolare non è proponibile per:

a) leggi tributarie e di bilancio;

b) leggi in materia di autonomia funzionale del Consiglio della Valle;

L'iniziativa non può essere esercitata nei sei mesi antecedenti la scadenza del Consiglio della Valle. Per iniziativa si intende la presentazione del testo della proposta di legge a norma dell'articolo 5.

art 45
iniziativa e indizione referendum

La richiesta di referendum consultivo può essere avanzata dalla Giunta regionale, o da almeno un terzo dei consiglieri regionali o da almeno un cinquantesimo degli elettori entro un mese dalla trasmissione al Consiglio della Valle del provvedimento legislativo o dell'atto amministrativo di particolare rilevanza generale. (12)

La deliberazione del Consiglio della Valle che stabilisce l'effettuazione del referendum consultivo contiene il quesito da rivolgere agli elettori.

Il Presidente della Regione indice, con decreto, il referendum consultivo, entro dieci giorni dalla trasmissione della deliberazione consiliare di cui al comma 1 da parte del Presidente del Consiglio della Valle.

Art. 46 
Nel caso di referendum consultivo di iniziativa popolare, si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni di cui al Capo II relative alla raccolta e alla verifica delle firme. (13)

Per lo svolgimento del referendum consultivo si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni per lo svolgimento del referendum abrogativo di cui al Capo II.